AVVISO FONDIMPRESA 1/2019 INNOVAZIONE 

 TERMINI

A partire dalle ore 9.00 del 17 dicembre 2019 fino alle ore 13.00 del 19 maggio 2020

DESTINATARI

Sono destinatari dei Piani formativi i lavoratori dipendenti, compresi gli apprendisti, in imprese aderenti che stanno realizzando un progetto o un intervento di innovazione digitale e/o tecnologica di processo o di prodotto.

Il Piano formativo che coinvolge un’unica impresa aderente può riguardare esclusivamente un’azienda che rientra nella definizione comunitaria di PMI.

In caso di Piano interaziendale deve essere assicurata la partecipazione, in misura almeno pari al 20% dei lavoratori posti in formazione, di lavoratori dipendenti appartenenti a PMI secondo la vigente definizione comunitaria.

Il Piano di livello interaziendale è ammissibile esclusivamente se tutte le imprese coinvolte sono direttamente interessate dalla medesima innovazione digitale e/o tecnologica di prodotto o di processo. È consentita la partecipazione al Piano di aziende che sono utilizzatrici dirette dell’innovazione digitale e/o tecnologica nell’ambito della filiera produttiva nel limite massimo del 20% dei lavoratori posti in formazione.

NB: Possono partecipare esclusivamente le aziende che non sono state beneficiarie di Piani finanziati sull’Avviso 4/2018 del Fondo (il precedente Avviso Innovazione)

DIMENSIONE PROGETTI e DURATA

Il Piano formativo presentato a Fondimpresa deve prevedere un finanziamento minimo di euro 50.000,00 e un finanziamento massimo di euro 250.000,00.

  • Il piano presentato da una singola impresa può essere al massimo di euro 100.000,00
  • Per ora corso euro 200,00, quindi per piano minimo 250 ore
  • Per ogni piano devono essere coinvolti almeno 15 dipendenti
  • Durata piano formativo 12 mesi (può essere chiesta proroga)

MODALITÀ FORMATIVE

Le modalità formative del piano possono privilegiare, senza limiti parametrici, l’utilizzo di metodologie flessibili e personalizzate tipiche della formazione/intervento (action learning, coaching, affiancamento, training on the job), fermo restando che non possono essere finanziate le ore di formazione durante le quali il partecipante svolge attività produttive.

NB: Si possono prevedere azioni (max 20% del totale, purché strettamente connessa all’innovazione digitale e/o tecnologica nelle aziende beneficiarie), con contenuti/insegnamenti di carattere generale o comunque mirati a fornire o aggiornare conoscenze e/o competenze essenziali per lo svolgimento dell’attività lavorativa

VINCOLI

A. Il Piano deve in ogni caso prevedere, a pena di esclusione, la partecipazione di uno dei soggetti di seguito elencati:

  • Dipartimenti di Università pubbliche e private riconosciute dal MIUR
  • Enti pubblici di ricerca vigilati dal MIUR
  • Altri Organismi di ricerca

Questi soggetti, sempre a pena di esclusione, devono:

– sottoscrivere il “Formulario di presentazione del Piano formativo” ed eventuali sue rimodulazioni

– curare il coordinamento scientifico e metodologico del Piano

– sottoscrivere la Relazione sullo stato di avanzamento delle attività del Piano e la Relazione finale attestando i risultati raggiunti in relazione agli obiettivi del Piano e garantire le attività di verifica finale dell’apprendimento dei partecipanti

B. Il Piano deve essere condiviso, prima della sua presentazione, con un accordo sottoscritto da organizzazioni di rappresentanza riconducibili ai soci di Fondimpresa, a livello aziendale, territoriale e/o di categoria (settore).

C. Il Soggetto Proponente deve svolgere direttamente le attività del Piano, fatte salve eventuali deleghe specialistiche o affidamenti a partner qualificati preventivamente autorizzati da Fondimpresa, alle condizioni e con le modalità previste nelle “Linee Guida alla gestione e rendicontazione del Piano formativo”.

In ogni caso, eventuali deleghe a terzi per prestazioni specialistiche non possono superare il 15% del finanziamento totale del Piano.

La somma di deleghe e affidamenti a partner non può superare il 30% del finanziamento totale del Piano.

Condividi: